Miss Inghilterra torna in corsia da specialista per la lotta al coronavirus

"Mi sembrava ingiusto starsene al sicuro mentre i miei colleghi mettevano le loro vite a rischio in prima linea": ha detto la modella, già specialista in terapie respiratorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non posso sentirmi piu’ fiera di essere Miss Inghilterra e allo stesso tempo di servire in qualcosa che ci rende orgogliosi, come il nostro National Health Service”: a parlare e’ Bhasha Mukherjee, genitori indiani, gia’ Miss Inghilterra, soprattutto specialista in terapie respiratorie.
Nata in India 24 anni fa, in Gran Bretagna da quando ne aveva nove, medico e modella, eletta Miss l’anno scorso, in un’intervista con l’emittente Bbc ha raccontato la scelta di dismettere gli abiti da reginetta e indossare quelli da specialista nelle terapie respiratorie, la sua specializzazione, per unirsi alla lotta contro il Covid-19

La decisione e’ arrivata una settimana fa. Mukherjee si trovava in India per un viaggio umanitario, ma ha deciso di abbandonare tutto e di fare la sua parte, preoccupata per “l’enorme peso” a cui e’ sottoposto il National Health Service (Nhs): “Mi sembrava ingiusto starsene al sicuro mentre i miei colleghi mettevano le loro vite a rischio in prima linea“.

La modella, che adesso si trova in isolamento nella sua casa di Derby, prendera’ servizio la prossima settimana nel Boston Pilgrim Hospital, nella contea del Linconshire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»