Coronavirus, Aimo: “Con uso pc e schermi a rischio la vista dei bambini”

Secondo gli esperti del settore i bambini con difetti refrattivi usciranno dalla quarantena con un maggior affaticamento e rischio di accentuazione dei disturbi visivi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Aumenta per molti italiani che stanno lavorando in modalita’ smart working il tempo trascorso davanti a computer, tablet e cellulari. Cosi’ come stanno aumentando le ore trascorse davanti ai dispositivi elettronici per i tanti studenti che stanno seguendo le lezioni di didattica a distanza. E questo, secondo gli esperti del settore, potrebbe avere delle conseguenze negative sulla vista. Soprattutto su quella dei bambini con difetti refrattivi che usciranno dalla quarantena con un maggior affaticamento e rischio di accentuazione dei disturbi visivi.

“È gia’ ampiamente dimostrato dalla letteratura scientifica che sia l’utilizzo prolungato dei videoterminali sia le attivita’ svolte all’interno delle proprie abitazioni sono tra i principali fattori di rischio dell’occhio secco- spiega all’agenzia Dire Romina Fasciani, dell’Unita’ operativa complessa di Oculistica della Fondazione Policlinico universitario IRCCS Gemelli di Roma e membro del consiglio direttivo dell’Associazione italiana dei Medici Oculisti (AIMO)- Lo sviluppo ma anche l’aggravamento dei sintomi dell’occhio secco sono legati anche al tipo di microambiente, pensiamo allora alla percentuale di umidita’ o di particolati e particelle che possono esserci all’interno delle abitazioni. Molto spesso gli edifici, soprattutto quelli vecchi, non hanno un sistema di areazione, per questo e’ importante scegliere con cura l’ambiente casalingo in cui mettersi a lavorare”.

I video terminali creano un affaticamento all’occhio e l’attenzione visiva va ad alterare la statica palpebrale, riducendo l’ammiccamento, e quindi la lubrificazione. “Questo puo’ favorire ulteriormente lo svilupparsi ma soprattutto l’aggravarsi dell’occhio secco”, aggiunge Fasciani, che poi spiega i rischi legati allo stare troppo a lungo in un ambiente chiuso: “Uno dei meccanismi messo in relazione con l’aumento della miopia nei bambini e’ l’assenza di vita all’aria aperta, perche’ la luce del sole influisce sulla produzione di alcuni neurotrasmettitori che probabilmente sono implicati a livello retinico e sclerale nella crescita. Per cui i bambini che stanno meno all’aria aperta, come accade purtroppo oggi, sono piu’ predisposti a far progredire la loro miopia. Questo e’ un aspetto che preoccupa gli oculisti nel caso l’attivita’ scolastica e-learning perduri per molti mesi, quando riprenderanno a fare i controlli, e potrebbero trovare i bambini miopi in osservazione con un incremento della miopia”. 

La scolarizzazione telematica al momento e’ qualcosa “che ci ha ‘salvati’- aggiunge- ma dal punto di vista della salute dell’occhio andrebbe fatta rispettando tempistiche di riposo per ridurre l’impatto sull’affaticamento visivo“. 

Non solo computer e tv. Gli italiani stanno facendo un uso massiccio anche di cellulari. “L’attivita’ social in questo periodo e’ aumentata tantissimo, perche’ sono tutti li’ a scrivere o leggere notizie sul telefonino- commenta l’oculista Carlo Orione, responsabile di AIMO per la Regione Piemonte- Ma i cellulari, avendo scritte ancora piu’ piccole, richiedono un’attenzione maggiore da parte dell’occhio. Leggere su dispositivi elettronici affatica la vista tanto come leggere un giornale, ma il problema e’ che ogni volta che noi porgiamo attenzione su qualcosa ammicchiamo meno. Mi spiego: normalmente abbiamo degli ammiccamenti involontari ogni tre/quattro secondi, ma se c’e’ un’attenzione particolare tali ammiccamenti arrivano anche ogni sette/dieci secondi. Questo porta ad una secchezza oculare, cosi’ come a sintomi di dolenzia oculare, cefalea periorbitaria e bruciore agli occhi“. 

Orione concorda poi con Fasciani su un possibile peggioramento della miopia in adolescenti e bambini. “Si e’ visto che i ragazzi che stanno tanto tempo a guardare per vicino hanno un peggioramento della miopia- conferma l’oculista- tanto che noi consigliamo, di solito dopo 50 minuti di studio, di guardare lontano per 10 minuti fuori dalla finestra per rilassare l’accomodazione”.

Per la lettura, in generale, si consiglia una “distanza di 30 centimetri”, ma anche cosi’ l’accomodazione e’ stimolata. Negli Stati Uniti, intanto, per rilassare l’accomodazione nei ragazzi miopi in eta’ prepuberale “stanno somministrando atropina in maniera molto diluita- spiega l’oculista- e hanno visto che con questo collirio, che in Italia dovrebbero uscire tra un anno, la miopia peggiora piu’ lentamente rispetto a chi non lo utilizza”.

Tornando alla quarantena, secondo l’oculista Luigi Marino, referente di AIMO per la Regione Lombardia, la “pagheremo cara” da un punto di vista di salute dell’occhio. “La quarantena ci impone di vivere in ambienti confinati- commenta- e questo ha dei vantaggi, perche’ rispetto ad un ambiente lavorativo possiamo per esempio aprire le finestre, ma di fatto lo smart working ci ha insegnato che lavoriamo di piu’. Mentre in ufficio si tende anche a socializzare e a fare delle pause, a casa questo non avviene. Cosi’ i device diventano le nostre finestre virtuali sul mondo dal quale ci stacchiamo a fatica. L’impossibilita’ di uscire di casa ci fa poi saltare dal cellulare alla tv, dalla tv all’iPad, allungando tantissimo il tempo di esposizione davanti a questi dispositivi. Allora cosa mi aspetto dalla fine della quarantena? Sicuramente qualche disturbo in piu’- sottolinea Marino- non tanto negli adulti quanto nei ragazzi giovani e giovanissimi, che di fatto stanno trascorrendo molto piu’ tempo davanti alla play station o il cellulare“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»