Lavoro, altre risorse sul bonus occupazione giovani

TRIESTE - Sono 664 (alla data del 5 aprile) i bonus occupazionali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PANARITITRIESTE – Sono 664 (alla data del 5 aprile) i bonus occupazionali erogati alle imprese regionali che hanno assunto, con contratto a tempo indeterminato, giovani di età inferiore ai 30 anni, partecipanti al programma regionale PIPOL. Lo rende noto l’assessore regionale del Friuli Venezia Giulia al lavoro e alla formazione Loredana Panariti, ricordando che i benefici alle imprese variano tra 1.500 e 6.000 euro e complessivamente ammontano a quasi 2,2 milioni di euro, pari a circa il 90% della dotazione finanziaria destinata al bonus occupazionale da “Garanzia Giovani”, nel contesto di PIPOL.
Questa misura si è rilevata uno strumento efficace che ha dato i risultati descritti in poco più di dodici mesi“, sottolinea l’assessore, annunciando la disponibilità di un ulteriore milione di euro, derivante dal Programma operativo regionale del Fondo sociale europeo, che potrà garantirne l’operatività fino alla fine dell’anno. PIPOL è il “Piano Integrato di Politiche per l’Occupazione e il Lavoro”, approvato dalla Regione Friuli Venezia Giulia nell’aprile 2014. Si compone di tre progettualità: oltre a Garanzia giovani (rivolto ai giovani fino a 29 anni), vi sono il Progetto occupabilità (per i disoccupati o i sospesi dal lavoro) e Imprenderò 4.0 (per la promozione dell’imprenditorialità).

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»