Sanità, corso per tecnologie e ausili per disabilità

PERUGIA - E' stata posticipata al 30 aprile 2016 la
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

bambini_disabili_parcoPERUGIA – E’ stata posticipata al 30 aprile 2016 la data utile per iscriversi alla seconda edizione del percorso “Ecm” di alta formazione in tecnologie ed ausili per la disabilità organizzato dalla Regione Umbria e dalla Scuola umbra di amministrazione pubblica. Un progetto di vita indipendente della persona con disabilità, con un’autonomia impensabile fino a qualche anno fa, grazie all’innovazione tecnologica ed alle numerose soluzioni che offre il mercato.

   È questo il tema del percorso che si propone di fornire una competenza di base sulle tecnologie e gli ausili per la riabilitazione, l’autonomia, l’integrazione lavorativa e sociale delle persone con disabilità. La varietà e complessità dei diversi argomenti trattati nel corso richiede necessariamente un approccio multidisciplinare e multidimensionale, che coinvolge nella docenza diverse figure professionali, da quelle medico specialistiche alle professioni sanitarie, alle socio – assistenziali.
L’obiettivo generale di questa seconda edizione, che ha una durata totale di 96 ore ed è articolato in 8 distinti moduli ciascuno di 12 ore, è quello di migliorare le conoscenze degli operatori attraverso un modello integrato delle competenze dei diversi professionisti. Il primo modulo si svolgerà il 13 e 14 maggio 2016.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»