Olio, premi ‘Sol d’Oro’ per le aziende agricole abruzzesi

PESCARA - Le aziende agricole abruzzesi sono state protagoniste nel concorso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

olioPESCARA – Le aziende agricole abruzzesi sono state protagoniste nel concorso oleario internazionale “Sol d’Oro Northern Hemisphere” in blind tasting, che ieri ha proclamato i vincitori, in occasione del Sol&Agrifood di Verona, la rassegna dell’agroalimentare di qualità.

   Giunto alla sua 14° edizione, il concorso ha lo scopo di evidenziare e promuovere le migliori produzioni oleicole, grazie al panel composto da degustatori internazionali provenienti quest’anno da Italia, Slovenia, Portogallo, Argentina, California e Grecia, che ha valutato gli oli secondo le categorie extravergine (fruttato leggero, fruttato medio e fruttato intenso), monovarietale e biologico.
   Ecco le aziende abruzzesi che hanno ottenuto premi e menzioni: il “Sol di bronzo” per categoria fruttato medio è stato vinto dall’azienda agricola Tommaso Masciantonio di Casoli (Chieti); quattro sono invece le gran menzioni: due sono state ottenute dall’azienda Tommaso Masciantonio di Casoli (Chieti) per la categoria monovarietale e per la categoria biologico; un’altra è stata assegnata all’azienda agricola Sandro Di Giacomo di Pianella con il fruttato leggero e l’ultima è stata consegnata all’azienda Selvotta di Vasto (Ch) per la categoria fruttato intenso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»