Sanità, firmato accordo con medici pediatri di libera scelta

TRIESTE - La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia ha approvato formalmente l'accordo,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

vacciniTRIESTE – La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia ha approvato formalmente l’accordo, firmato dall’assessore alla Salute Maria Sandra Telesca il 9 marzo scorso, con le organizzazioni sindacali rappresentative dei medici pediatri di libera scelta.
   “Con la categoria dei pediatri la Regione ha stabilito una forte alleanza, nella consapevolezza si tratti di professionisti che fanno fronte a un grosso lavoro sul territorio che permette anche il minore accesso dei piccoli nei reparti ospedalieri e di essere nostre sentinelle per diffondere la cultura della vaccinazione. Con loro la Regione aveva già stipulato un contratto integrativo, nel quale erano state riscontrate alcune lacune che grazie a questo nuovo accordo verranno integrate”, spiega Telesca.
Oggetto dell’accordo è l’attuazione della start up per la ricetta elettronica e la definizione degli incentivi per i medici aderenti al progetto sulla dematerializzata; la definizione della percentuale del compenso da riconoscere ai pediatri di libera scelta per l’effettuazione delle prestazioni professionali indispensabili, in occasione dello sciopero della categoria; l’integrazione dell’Accordo integrativo regionale con alcune precisazioni sul mantenimento delle scelte degli ultraquattordicenni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»