Tg Politico Parlamentare, edizione dell’11 marzo 2021

Stop ad AstraZeneca mentre il governo sta decidendo nuove misure restrittive per contenere i contagi tra le notizie dell'edizione di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

STOP AD ASTRAZENECA, E SCATTANO NUOVI DIVIETI

Stop ad AstraZeneca. La Danimarca ha sospeso in via cautelativa la somministrazione del vaccino anglosvedese dopo due casi di trombosi. I coaguli nel sangue potrebbero essere un effetto collaterale, ma il legame con il vaccino è ancora da verificare. Intanto sono già sette i Paesi europei che hanno interrotto le somministrazioni di AstraZeneca. Anche l’Italia ha sospeso un lotto dopo due casi sospetti in Sicilia. E l’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, ha disposto un’indagine. Buone notizie dall’agenzia europea arrivano invece per il vaccino Johnson & Johnson, il primo monodose. Nel frattempo l’Italia avvia la vaccinazione degli over 70. Tutto questo mentre il governo sta decidendo le nuove misure restrittive per contenere i contagi, in vigore probabilmente da lunedì. Si va verso regole più rigide per le fasce gialle e arancioni e quasi certamente nei giorni di Pasqua sarà replicato il lockdown natalizio, con tutta l’Italia in zona rossa.

L’INDUSTRIA VEDE LA RIPRESA, ALLARME MATERIE PRIME

La produzione dell’industria metalmeccanica nel 2020 è calata di oltre il 13%, ma nell’ultimo trimestre una ripartenza c’è stata. Gli imprenditori sono ottimisti: per agganciare la ripresa sarà determinante accelerare sulla campagna vaccinale. Il vice presidente di Federmeccanica, Fabio Astori, ricorda che le aziende sono a disposizione per la somministrazione e chiede al governo una nuova stagione di riforme: dalla pubblica amministrazione agli ammortizzatori sociali. È allarme invece per il costo delle materie prime, ormai a livelli record. Federmeccanica accusa la Cina di concorrenza sleale sollecitando un intervento dell’Europa.

LOTTERIA SCONTRINI AL VIA, MELONI ATTACCA

Festeggiano dieci vincitori della lotteria degli scontrini che incasseranno 100mila euro. Oggi la prima estrazione dopo un avvio difficile e nonostante molti esercenti non abbiano ancora attivato la procedura. Ogni secondo giovedì del mese ci saranno le estrazioni mensili e da giugno saranno effettuate anche quelle settimanali. L’iniziativa voluta dal governo Conte 2 per incentivare l’uso della moneta elettronica viene contestata da Giorgia Meloni che parla di un flop, visto che “solo un esercente su tre ha aderito”. Per la leader di Fratelli d’Italia la lotteria, che insieme al cashback costa allo Stato circa 5 miliardi di euro, andrebbe sospesa e le risorse destinate ai ristori.

STAGE PER STUDENTI ALLA CAMERA, FICO: ACCORDO CON LE UNIVERSITÀ

Studenti e studentesse di ogni università italiana potranno formarsi, attraverso tirocini, presso una delle più alte istituzioni dello Stato: la Camera dei deputati. L’opportunità arriva con un accordo siglato a Montecitorio dal presidente Roberto Fico e la Crui, la Conferenza dei rettori. Gli stage consentiranno agli studenti interessati al diritto costituzionale e al funzionamento del Parlamento, non ancora laureati, di acquisire una conoscenza diretta dell’attività legislativa.

L’Università, in una fase così difficile per l’emergenza Covid – ha detto Fico- deve svolgere un ruolo di rilancio del Paese anche grazie ai 28 miliardi del Recovery fund destinati a istruzione e alla ricerca.”Ho realizzato il progetto degli archetti per le visiere e ho messo a lavoro la mia stampante che non si è mai fermata, neppure di notte”, continua. “Stampo ogni giorno cose nuove – spiega -. L’ultima cosa che ho fatto è stato un meccanismo per il freno elettrico per la bici”. Il prossimo riconoscimento che vorresti? “Diventare Cavaliere della Repubblica”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»