Coronavirus, Borrelli: “196 decessi oggi, 10.590 i contagiati”

"Sono 1.028 i malati in terapia intensiva, 151 in più rispetto a ieri"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Oggi registriamo 196 decessi, il 2% tra 50 e 60 anni, il resto in età più avanzata. Il 78% ha patologie pregresse. I contagiati attualmente sono 10.590, in questo numero ci sono anche le persone contagiate in isolamento domiciliare, circa 600. I guariti oggi sono 41, in tutto 1.045″. Lo dice il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, in conferenza stampa.

BORRELLI: 1.028 I MALATI IN TERAPIA INTENSIVA

“Sono 1.028 i malati in terapia intensiva, 151 in più rispetto a ieri”, aggiunge Angelo Borrelli. Dei 10.590 malati complessivi, spiega, 5.838 sono poi ricoverati con sintomi e 3.724 sono quelli in isolamento domiciliare.

BORRELLI: “CRESCITA NEL TREND DEI GIORNI SCORSI”

“Ieri avevamo detto che i dati della Lombardia erano parziali e oggi abbiamo numeri che fanno sì che i dati possano apparire come un numero elevato, ma in realtà la crescita odierna è nel trend dei giorni scorsi”. 

BORRELLI: “ESERCITO? CREDO IN RESPONSABILITÀ VOLONTARIA”

L’esercito in strada? “Io credo ci debba essere un rispetto delle cautele e prescrizioni di tipo volontario. Un controllo c’è ma voglio ricordare che ci deve essere un comportamento responsabile da parte di ognuno di noi”.

BORRELLI: “SU CHIUSURA TOTALE ANCORA NON ABBIAMO DECISO”

“Una misura di chiusura generalizzata deve ancora essere valutata, al momento non ci sono decisioni”.

BORRELLI: “USCIRE PER STRETTO NECESSARIO E INDISPENSABILE”

“Mi sento di dire di uscire per lo stretto necessario e indispensabile”

BORRELLI: “AUTOCERTIFICAZIONE ANCHE PER CHI VA A PIEDI”

“Anche chi va a piedi deve portare l’autocertificazione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»