Coronavirus, il presidente della Sicilia vuole trasformare una nave da crociera in una terapia intensiva galleggiante

Il presidente siciliano Nello Musumeci pronto a mettere in campo un 'piano B' se il coronavirus dovesse diffondersi in Sicilia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – “Ho parlato con l’Autorita’ portuale di Palermo che mi conferma esserci un armatore disposto a mettere al molo del capoluogo una nave crociera con un centinaio di posti letto e personale sanitario qualora dovessimo arrivare al Piano B”. L’eventualita’ e’ stata resa nota dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, nel corso di un collegamento video con Omnibus, su La 7, sull’emergenza coronavirus.

Il governatore, dopo avere ricordato che “le ventimila persone rientrate in Sicilia dal nord negli ultimi quattro giorni si sono registrate tutte sul sito della Regione”, ha aggiunto: “Stiamo predisponendo nuovi posti letto perche’ temiamo di dovere ricorrere al piano ‘B’“.

E sui controlli negli aeroporti e nei porti, Musumeci ha aggiunto: “Chiediamo da settimane un servizio di vigilanza piu’ intensa ed efficace, la maglia e’ stata molto larga ma la competenza e’ dello Stato”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»