Coronavirus, Rosati (Pd): “Bene Gualtieri, difendere il lavoro costi quel che costi”

"Nelle prossime settimane l’Europa dovrà dare un grande aiuto all’Italia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono molto contento che il ministro Gualtieri e il Governo abbiano varato ulteriori misure a sostegno del settore economico del Paese. Si tratta di 25 miliardi, fondi molto importanti”. Così all’agenzia Dire Antonio Rosati, esponente dem di lungo corso e membro dell’assemblea nazionale del Partito democratico, a proposito delle nuove misure varate dal Governo per contrastare gli effetti del Coronavirus sull’economia.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, anche la famiglia Simpson ‘Resta a casa’ nel murale apparso a Pompei

“Questo provvedimento- ha detto Rosati- deve andare in più direzioni e credo che nelle prossime settimane l’Europa dovrà dare un grande aiuto all’Italia, perché quello che noi dobbiamo fare, oggi, costi quel che costi, è non perdere nemmeno un posto di lavoro in nessuna azienda. Oggi parlare di parametri non ha senso. L’intelaiatura europea dopo questa esperienza dovrà uscire completamente rinnovata e cambiata, ma questo lo vedremo dopo. Oggi bisogna rassicurare e dare fiducia, e credo che il Governo si stia muovendo molto bene”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’Oms applaude l’Italia: “Bene la sua risposta, sia un modello per gli altri paesi”

Rosati ha poi aggiunto che “è necessario tuttavia essere molto attenti alla burocrazia legata a queste erogazioni. Guarderei alle banche come strumento per fare arrivare alle aziende ciò che serve per pagare stipendi, affitti, leasing e ciò che è necessario. Perché il diavolo si nasconde nei dettagli, cioè la burocrazia. Bisogna allora fare in modo che queste risorse arrivino rapidamente e abbiano un effetto rapido sul sistema economico”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, non vuole aspettare per il tampone, aggredisce medico e infermiere al Cotugno di Napoli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»