Decaro in lacrime per le strade deserte di Bari: “Ce la faremo”

L'emergenza "finirà e riusciremo a superare non solo l'emergenza sanitaria ma anche l'emergenza economica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “In questi anni abbiamo fatto tanti sacrifici per riuscire a far vivere la città, a portare tanti turisti…”. A parlare è il sindaco di Bari Antonio Decaro durante una diretta su Facebook in cui indica, passeggiando per le vie del centro del capoluogo, il rispetto da parte di baristi e ristoratori del decreto governativo che impone per queste attività la chiusura alle sei del pomeriggio. Ed è davanti alla scena di una città deserta, con le serrande di bar e locali solitamente stracolmi di clienti abbassate, con porte serrate e luci spente che l’emozione ha il sopravvento sul racconto: la voce di Decaro si stringe e qualche lacrima gli solca il volto. Davanti a questa commozione i commenti di chi segue la diretta del primo cittadino sono diversi. C’è Giuseppe che scrive: “Le tue lacrime sono le lacrime di tutti noi. Passerà, rimbocchiamoci le mani”. “Ci fai commuovere tutti”, aggiunge Anna Maria. E dopo una breve pausa Decaro si dà forza e riprende: “Sono sicuro che ce la faremo, ci riusciremo. Dobbiamo avere fiducia e recupereremo quello che abbiamo fatto in questi anni. Ora rispettiamo le prescrizioni che ci arrivano dalla cabina di regia perché più rispetteremo le prescrizioni più ci metteremo alle spalle questa emergenza. Finirà – aggiunge mentre si asciuga il volto – e riusciremo a superare non solo l’emergenza sanitaria ma anche l’emergenza economica”. “Grande, Antonio!”. E’ il plauso di Cristian, che nel suo commento social aggiunge: “ci vediamo dopo l’emergenza per festeggiare e abbracciarti. Forza e coraggio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»