Prescrizione, Bonafede: “Non offro sponde a chi alza i toni, ciascuno è libero di stare in maggioranza o meno”

Il ministro della Giustizia avverte Matteo Renzi: "Non mi interessa della logica del cedimento, continuo a fare il mio lavoro"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non offro la sponda a chi alza i toni. Ciascuno è libero di decidere e fare ciò che vuole, se stare in maggioranza o all’opposizione. Io continuo a fare il mio lavoro”. Lo dice il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, parlando della prescrizione a margine di un incontro all’Anac.

LEGGI ANCHE: Renzi ‘fuoco di paglia’, se salta Conte tutti a casa… per questo il Governo andrà avanti

“Non mi frega niente- aggiunge Bonafede- di mettere le bandierine e non mi importa della logica del cedimento. Ho messo un limite alla proposta della maggioranza perchè l’obiettivo è garantire ai cittadini che lo Stato dia una risposta di giustizia certa e in tempi brevi. Lascio ad altri le loro logiche”.

LEGGI ANCHE: Il governo pronto a chiedere la fiducia sulla prescrizione, Renzi studia la sua mossa: sfiducia per Bonafede

“Sul veicolo normativo per il Conte bis- conclude- stiamo facendo tutte le valutazioni, anche sulle dinamiche e i tempi parlamentari”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»