VIDEO | In Campania forze dell’ordine gratis sui mezzi pubblici

"Garantiranno una presenza attiva a supporto della sicurezza dei cittadini", ha spiegato il governatore campano Vincenzo De Luca
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Biglietto gratuito per gli appartenenti alle forze dell’ordine che viaggiano sui mezzi di trasporto locale su gomma, ferro e mare che hanno sottoscritto un contratto con la Regione Campania. É possibile grazie al rinnovo di un protocollo di collaborazione tra l’ente di palazzo Santa Lucia, polizia, carabinieri, guardia di finanza e polizia penitenziaria che vale per tre anni.

“Le forze dell’ordine garantiranno una presenza attiva sui treni e sugli autobus a supporto della sicurezza dei cittadini”, ha spiegato il governatore campano Vincenzo De Luca, intervenendo alla firma dell’accordo con i vertici delle forze dell’ordine, il questore di Napoli Alessandro Giuliano e il prefetto Marco Valentini.

“I membri delle forze dell’ordine – ha sottolineato il presidente della Regione – hanno l’obbligo di segnalare la loro presenza agli autisti e di rendersi disponibili a intervenire nei casi di violenza, bullismo o di minaccia alle persone. Questo si unisce al lavoro che stiamo facendo, come la realizzazione di impianti di videosorveglianza, per garantire nella misura maggiore possibile elementi di serenità e tranquillità.  É un protocollo significativo che guarda ai grandi fenomeni della delinquenza organizzata, ma anche alla vita concreta delle persone, che hanno diritto a vivere con tranquillità”.

Il protocollo prevede anche una scontistica superiore al 60% per i vigili del fuoco e le altre forze militari. Plaude alla collaborazione tra la Regione e le forze dell’ordine anche il prefetto Marco Valentini, secondo cui è fondamentale “aumentare la sicurezza percepita dei cittadini”.

Per il questore Alessandro Giuliano si tratta di un “gesto d’attenzione importante anche verso gli operatori delle società di trasporto, oltre che della loro utenza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»