Lecce, presidio No Tap: “A San Foca c’è una vera barriera corallina a due archi”

Gli attivisti No Tap contestano le valutazioni sulla scarsa qualità dei coralligeni di fronte a San Foca, sostenute da chi porta avanti i lavori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Si sono dati appuntamento questa mattina davanti al tribunale di Lecce e sui cancelli hanno appeso striscioni su cui si legge: “Il foglio di via a chi non ha la via”. E anche: “Vietate i megafoni autorizzate le devastazioni“. Autori sono gli attivisti del Movimento No Tap, da sempre contrari alla realizzazione del gasdotto che porterà gas azero in Europa.

LEGGI ANCHE: Tap, al via i lavori per installare la condotta sottomarina

“Oggi ci hanno diffidato dal portare megafoni e altri dispositivi di diffusione sonora e autorizzano la devastazione della barriera corallina che si trova davanti a San Foca”, dichiara Gianluca Maggiore, portavoce dei No Tap. E aggiunge: “La dichiarazione di Tap sulla scarsa qualità dei coralligeni di fronte a San Foca sono fasulle ed è chiaro anche che la mancata firma di alcuni componenti della commissione Via (Valutazione impatto ambientale, ndr) ad autorizzare la posa del tubo all’exit point della Castoro sei (che sta effettuando i lavori di scavo a largo di Melendugno, ndr) non è una valutazione arbitraria a largo di San Foca”.

LEGGI ANCHE: Tap, Emiliano: “Chiederemo risarcimento miliardario”

A sostegno delle dichiarazioni degli attivisti c’è una “relazione fatta dal professore dell’Università degli Studi di Bari, Giuseppe Corriero, sui coralli a San Foca, discussa oggi, in Regione nella sezione Mobilità che certifica che a meno di mille metri da San Foca non ci sono coralligeni e ciuffi sparsi, ma barriera corallina con due archi che la posa del tubo sta distruggendo”.

“Davanti ai giudici – concludono – finiscono solo i cittadini coraggiosi che difendono la propria terra e i propri diritti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»