Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Smog, pm 10 ancora alle stelle: a Bologna (e in quasi tutta l’Emilia-Romagna) stop a euro 4

BOLOGNA - Scattano (di nuovo) le misure d'emergenza contro lo smog a Bologna. Negli ultimi tre giorni, infatti, in maniera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Scattano (di nuovo) le misure d’emergenza contro lo smog a Bologna. Negli ultimi tre giorni, infatti, in maniera continuativa sono stati superati i limiti di pm10 nell’aria. E così da domani, martedì 12 febbraio, e fino almeno a giovedì 14 a Bologna, Imola e nei 10 Comuni dell’agglomerato urbano entrano in vigore le misure emergenziali per abbassare i livelli di inquinamento.

Dalle 8.30 alle 18.30 il blocco della circolazione è esteso a tutti i veicoli con motori diesel euro 4, anche commerciali, oltre ai benzina fino a euro 1. Sono esclusi dalle limitazioni i veicoli elettrici, ibridi, a metano e Gpl, o con almeno tre persone a bordo e i veicoli in deroga.

Oltre ai blocchi del traffico, scattano anche l’obbligo di abbassare la temperatura del riscaldamento domestico (19 gradi per le abitazioni e 17 per gli spazi commerciali e ricreativi) e il divieto, tra gli altri, anche di utilizzo dei camini a legna. Sono esclusi da queste indicazioni gli ospedali e le case di cura, le scuole e i luoghi che ospitano attività sportive. La Città metropolitana ha attivato il servizio di ‘alert sms e email’, inviando agli oltre 4.000 iscritti l’avviso del blocco.

IN EMILIA-ROMAGNA SI SALVANO SOLO RAVENNA E RIMINI

Le misure antismog per i tre giorni da domani a giovedì tornano in tutta l’Emilia-Romagna ad accezione delle province di Ravenna e Rimini. 

Il raggiungimento del livello di allerta è segnalato con un bollino rosso nel bollettino emesso oggi da Arpae. Giovedì ci saranno i nuovi controlli: solo se il bollino sarà verde verranno revocati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»