Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Napoli panorama e luoghi simbolo raccontati in braille ai visitatori

Il progetto fa parte della rete "Napoli fra le mani", che dal 2013 lavora per favorire l'accesso ai beni culturali da parte delle persone con disabilità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Un corrimano che descrive le bellezze di Napoli a chi non può vederle. Si chiama “Follow the shape” l’installazione firmata dall’artista napoletano Paolo Puddu, grazie alla quale, d’ora in avanti, i visitatori non vedenti del magnifico Castel Sant’Elmo potranno leggere in braille il panorama della città con i suoi luoghi simbolo e la sua storia. L’opera ha vinto la V edizione del concorso nazionale promosso dal Polo museale della Campania “Un’Opera per il Castello” – curato da Angela Tecce con Claudia Borrelli, il cui tema era appunto “Uno sguardo altrove” – con questa motivazione: “E’ stata capace di ribaltare la consueta concezione della visione, riuscendo a creare una relazione inedita tra il castello e il territorio circostante. Gli spalti panoramici divengono il luogo d’incontro tra esperienze sensoriali differenti, fornendo uno strumento ulteriore per ampliare le possibilità di fruizione del luogo a partire da passi letterari ispirati alla città stessa. Attraverso l’uso della scrittura braille, l’artista propone un trasferimento dell’esperienza da visiva a tattile, invitando anche i visitatori vedenti a immaginare una prospettiva alternativa che è loro di norma estranea. In questo modo, le relazioni che -scaturiscono sono molteplici: tra pubblici diversi, tra le diverse e talvolta contraddittorie tipologie di esperienza, tra differenti linguaggi dell’arte”.

Il testo in braille posto sulla balaustra è tratto dal volume di Giuseppe De Lorenzo “La terra e l’uomo”, mentre la regia del video “Follow the shape”, anch’esso fruibile all’interno del museo più panoramico della città, è di Antonio Longobardi. Castel Sant’Elmo non è nuovo a iniziative del genere: insieme a Museo Archeologico Nazionale, Capodimonte e ad altri tra i maggiori musei napoletani, fa parte della rete “Napoli tra le mani“, un progetto che non ha ricevuto in questi anni alcun finanziamento ma ha già dato ottimi risultati. Nato nel dicembre 2013, il protocollo d’intesa riunisce università, in primis la Suor Orsola Benincasa attraverso il Sad (Servizio di Ateneo per le Attivita’ degli studenti con Disabilita’), luoghi d’arte e associazioni, da Tutti a Scuola all’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Napoli per fare qualche esempio, con l’obiettivo di favorire la fruizione dei beni culturali da parte delle persone con disabilità. Così, in ognuno dei luoghi aderenti all’iniziativa, vengono realizzati itinerari di visita accessibili, attenti alle esigenze di tutti i visitatori, con particolare attenzione alle persone con disabilità fisiche, sensoriali e cognitive.

“Attraverso le attività previste dal protocollo – spiegano i promotori – si vuole garantire in maniera paritaria a ogni cittadino l’accesso e la fruizione del patrimonio archeologico e storico-artistico, mediante il superamento delle barriere culturali, architettoniche, sensoriali e della comunicazione, un patrimonio che nei secoli ha qualificato la storia del territorio, segnandone profondamente la costruzione dell’identità”. A Castel S. Elmo nuovi itinerari accessibili, con personale formato ad hoc, sono in programma in primavera.

(www.redattoresociale.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»