Nascono i centristi per l’Europa: “No a Italia in mano a Grillo o Salvini”/VIDEO

Alla guida del movimento c'è Gianpiero D'Alia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Bisogna unire i moderati per evitare che l’Italia vada in mano a Grillo e Salvini“. Pier Ferdinando Casini sintetizza così l’obiettivo del movimento ‘Centristi per l’Europa’, battezzato oggi al teatro Quirino insieme al ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti e a Gianpiero D’Alia. Sarà proprio quest’ultimo a guidare il movimento, spiegando che l’idea non è quella di dar vita “all’ennesimo partito, visto che siamo in un epoca di partiti fragili“, ma a un “movimento organizzato che possa aggregare tutti quegli elettori che non sono del Pd e non vogliono essere confusi con i populisti e che sono la maggioranza silenziosa senza rappresentanza“.

Per D’Alia “i sovranisti sono nazionalisti che pensano di risolvere i problemi alzando i muri ma così si isola il Paese”. Anche il ministro Galletti è della partita: “Nasce un movimento per unire i moderati, quelli che urlano e non odiano, la nostra è una battaglia contro i populismi perché i no- avverte- stanno distruggendo il Paese. Chi vuole costruire qualcosa, dal centro sinistra o dal centro destra, venga con noi”. Galletti osserva che “rispetto ai problemi dell’Italia serve più Europa non meno Europa”. Rispetto alle future alleanza il centrista osserva: “Noi abbiamo fatto un percorso riformatore con questo governo di cui siamo orgogliosi, se ci sono le condizioni per continuare ci saremo”. E sulla legge elettorale Galletti sottolinea che è necessario “un premio di coalizione per garantire la governabilità”.

di Marta Tartarini, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»