Usa, medico lancia l’allarme: “Senza i dottori stranieri il sistema crollerà”

L'ordinanza di Trump che bandisce gli immigrati provenienti da sette paesi a maggioranza musulmana potrebbe avere effetti disastrosi sul sistema sanitario
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Jalal Baig

ROMA – “Non ci sono terroristi qui. C’è solo umanità”. Lo ha scritto Jalal Baig, medico di origine pakistana che lavora negli Stati Uniti presso il Medical Center dell’Università dell’Illinois, in una lettera pubblicata dal quotidiano indipendente ‘Public Radio International’ (Pri) a fine gennaio. Scopo di questa missiva, spiegare perché i medici stranieri sono una risorsa per il sistema sanitario nazionale, e in che modo il decreto Trump che pone un limite all’immigrazione può compromettere questo equilibrio. “La medicina in quanto pratica non è mai stata limitata dalle frontiere o dai muri- l’argomentazione di Baig- né l’abilità di un dottore di curare è mai stata determinata dal colore del proprio passaporto. Ma ora, l’ordinanza del Presidente Donald Trump che bandisce gli immigrati provenienti da sette paesi a maggioranza musulmana costituisce una minaccia senza precedenti ai medici immigrati e all’intero sistema sanitario nazionale. La sua proroga ed eventuale estensione potrebbe avere effetti disastrosi“.

I medici di fede musulmana negli Stati Uniti rappresentano il 5% del totale. “Mentre alcuni sono nati all’estero- prosegue Jalal Baig- altri, come me e mia moglie, sono figli di immigrati. I miei genitori sono arrivati dal Pakistan”. In totale, negli States “gli immigrati costituiscono il 28% dei medici e dei chirurghi”. Molti “sono giunti qui da Messico, Pakistan, Egitto, Iran e Siria per onorare il giuramento universale di Ippocrate”. Non meno rilevante è il loro contributo alla ricerca: “Il 42% di coloro che hanno realizzato uno studio utile nell’ambito della lotta al cancro sono stranieri”, mentre i sei vincitori americani dei premi Nobel legati a discipline scientifiche “sono tutti immigrati”.

Il dottor Baig quindi pone all’attenzione del lettore le enormi difficoltà che deve affrontare chi, da studente immigrato, deve superare per raggiungere l’ambita laurea: “Le statistiche dicono che solo il 51,9% ce l’ha fatta nel 2016”. A incoraggiarli, “la promessa americana dell’eguaglianza delle opportunità”, insieme al “desiderio disinteressato di aiutare chi è malato”. Questo equilibrio tra “competenze professionali e compassione” li rende capaci di “sostenere il sistema sanitario nazionale”. Il calo della natalità, a cui corrisponde l’invecchiamento della popolazione, fa sì che “aumenti anche la richiesta di medici di base”. Inoltre, “in una società multietnica come la nostra, avere medici con bagagli culturali e linguistici diversi è una risorsa preziosa“. “Il bando all’immigrazione del presidente Trump deve fare i conti con tutti questi aspetti”, scrive ancora il medico. “Il rischio è quello di ‘fare vittime’ tra coloro che, negli Stati Uniti, giungono solo armati dei loro stetoscopi e di un sincero desiderio di vedere il benessere tra gli americani. Non ci sono terroristi tra loro- la sua conclusione- ma solo grande senso di umanità”.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

(La foto di Jalal Baig è tratta dal profilo Facebook del medico)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»