Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sgarbi si dichiara: “La bellezza delle Marche è la prova dell’esistenza di Dio”

MILANO -  La bellezza delle Marche "è la prova
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Marche_bit

MILANO –  La bellezza delle Marche “è la prova dell’esistenza di Dio”. C’era anche Vittorio Sgarbi a promuovere le Marche alla Bit di Milano, e  ha fatto una vera e propria dichiarazione d’amore per la regione dove ultimamente trascorre diverso tempo per via del suo impegno politico come assessore a Urbino. “Le Marche sono un libro aperto di Storia dell’arte– ha detto Sgarbi-. Ogni scuola pittorica è presente. I più grandi artisti del loro tempo, escludendo Raffaello che vi è nato, penso a Bellini, Crivelli, Lotto, sono arrivati nelle Marche ed è stato come un ritorno a casa. Perché nelle Marche è come sentirsi a casa. E’ capitato anche a me che, da quasi trent’anni, ne testimonio la bellezza per autentico sentimento di passione e di scoperta di capolavori. La stessa passione che animò Berenson quando scopri Lorenzo Lotto a Recanati”.

Sgarbi_Bit_MIlano

Insomma, la bellezza delle Marche, ha concluso il critico d’arte, “è la prova dell’esistenza di Dio perché qui gli artisti hanno dato il meglio guardando un ambiente meraviglioso. Una regione piccola nelle dimensioni, ma proporzionalmente la più grande per quantità di patrimonio artistico, architettonico e paesaggistico in Italia”.

Di Luca Fabbri, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»