La deputata Vezzali loda le Marche: “Orgogliosa che voglia dare allo sport dignità costituzionale”

ROMA -  "Provo grande soddisfazione e persino orgoglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

sport giovani

ROMA –  “Provo grande soddisfazione e persino orgoglio perché proprio la mia regione, le Marche, abbia mosso un passo formale per dare allo sport dignità costituzionale. È una delle mie battaglie storiche, uno dei motivi per cui ho accettato di impegnarmi in politica. Proprio come nella mia proposta di legge costituzionale 835 depositata nell’aprile 2013, l’idea è quella di modificare l’articolo 33 della Costituzione inserendo riferimenti precisi allo sport, al suo valore intrinseco e alla necessità della sua valorizzazione da parte delle istituzioni”.

Lo afferma Valentina Vezzali, deputata di Scelta civica, che ricorda: “Proprio nello scorso dicembre, durante la cerimonia di consegna dei collari d’oro al merito sportivo presso la Casa delle armi al Foro italico alla presenza del presidente del Coni, Giovanni Malagò, il presidente del Consiglio Matteo Renzi disse che lo sport è un elemento costitutivo della identità italiana. In quella occasione, davanti a loro, colsi l’occasione per ribadire quelle parole proponendo appunto l’inserimento dello sport nella nostra Costituzione. Lo sport non è solo un’attività ricreativa, ma investe salute, educazione e perfino economia. Mi sembra davvero che i tempi siano maturi per questo passo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»