Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Disoccupati di Napoli in protesta contro i tamponi gratis ai politici

disoccupati protesta-min
Eddy Sorge del Movimento di Lotta Disoccupati 7 Novembre stamattina ha guidato un presidio davanti alla sede del Consiglio comunale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Dopo due anni siamo qui ancora una volta per dire che a pagare i costi di questa crisi sono ancora i disoccupati e i lavoratori con pagamenti autonomi dei tamponi, anche i rapidi a 15 euro che in altri Paesi te li buttano in faccia, i molecolari a 60-70 euro. Se bisogna ancora effettuare il tracciamento, che i tamponi siano gratuiti”. Così Eddy Sorge del Movimento di Lotta Disoccupati 7 Novembre che stamattina ha guidato un presidio davanti alla sede del Consiglio comunale di Napoli.

“È surreale – prosegue – che qualcuno pensi che si possano dare tamponi gratuiti ai consiglieri. Siamo qua non solo per dire che quella delibera è sbagliata, ma anche per dire a tutto il Consiglio comunale di chiedere all’ordine dei Farmacisti tamponi gratuiti per tutti i disoccupati e le disoccupate della città”.
Alla stessa amministrazione, ancora Sorge, “chiediamo il prosieguo del tavolo interistituzionale avviato in prefettura il 5 novembre affinché i disoccupati siamo inseriti in lavori di progetti di pubblica utilità e sia garantito loro un salario per poter campare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»