Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Anche in Calabria per uscire dalla quarantena Covid basterà un test rapido

Lo ha stabilito la Regione con un'ordinanza del presidente Roberto Occhiuto nella quale evidenzia come "non sarà necessaria la conferma con un test molecolare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Per uscire dalla quarantena o dall’isolamento post Covid-19 in Calabria basterà un test rapido. Lo ha stabilito la Regione con un’ordinanza del presidente Roberto Occhiuto nella quale evidenzia come “non sarà necessaria la conferma con un test molecolare”. La misura riallinea la Calabria con le altre regioni italiane e nello specifico “è prevista la possibilità di esecuzione di un test rapido antigenico o molecolare, presso gli erogatori pubblici e privati, anche in modalità domiciliare, autorizzati e/o riconosciuti come abilitati”.

L’ordinanza potrebbe essere oggetto di ulteriori modifiche a seconda dell’andamento della pandemia e del sopravvento di nuove disposizioni governative. In Calabria sono attualmente abilitati all’esecuzione dei test rapidi i dipartimenti di Prevenzione delle Aziende sanitarie provinciali, i medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, i laboratori di analisi e di patologia clinica accreditati e/o autorizzati con il Servizio sanitario regionale, le farmacie aderenti al protocollo d’intesa del 5 agosto 2021.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»