Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’11 gennaio 1996 la mafia uccideva il piccolo Giuseppe Di Matteo, Orlando: “Ferita ancora aperta”

giuseppe di matteo
Era il figlio del pentito Santino e fu ucciso per convincere il padre a non collaborare con la giustizia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – L’11 gennaio 1996 la mafia uccideva il piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del pentito Santino. Il bambino fu ucciso per convincere il padre a non collaborare con la giustizia.

“Un omicidio che ha sconvolto tutto il paese e ha aperto gli occhi di molti, smentendo quel falso mito secondo cui ‘la mafia non uccide i bambini‘ – afferma il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando -. Il brutale assassinio di Giuseppe Di Matteo è una ferita ancora sanguinante nella storia del nostro Paese perché ci ricorda la bestialità mafiosa che non dobbiamo mai dimenticare e di come questa abbia distrutto le vite di tante altre famiglie, i cui figli sono stati uccisi dalle mafie. Non dimentichiamoli e portiamo avanti, insieme, il valore della cultura della vita”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»