Governo, Renzi: “Colleghi di maggioranza mi danno ragione, ma solo sui social”

"A me del cambio di Governo interessa zero. Il problema è come si affronta la pandemia", dice il leader di Italia Viva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se guardo i post anche di colleghi della maggioranza, danno tutti ragione a noi, nonostante io risulti antipatico, ma il problema è che lo dicono nei post e nei tweet, io lo voglio scritto nei documenti“. Lo ha detto il leader di Italia Viva, Matteo Renzi ai microfoni di Rtl 102.5.

A CONTE DICO DI CORRERE, BASTA PERDERE TEMPO

“Noi siamo il Paese che investe sulla sanità la metà della Germania, quindi forse vale la pena prendere i soldi del Mes come chiedono tutti. Il problema è che il Recovery ancora non è stato presentato, quindi sono d’accordo con il premier che dice di fare presto e a lui dico di correre: facciamo il decreto Ristori 5 che aspettiamo da troppo tempo, c’è bisogno di correre non ne posso più di perdere tempo”.

MAI CHIESTA CONTA, SPERO ABBIANO FATTO I CONTI GIUSTI

“Io non ho mai chiesto conta in aula e l’idea di essere asfaltato da Rocco Casalino non mi preoccupa, noi abbiamo posto argomenti veri se l’argomento di Rocco Casalino e del premier è quello di andare in Parlamento e asfaltarmi allora io dico, prego fate pure. Se hanno deciso di fare la conta in Aula spero abbiano fatto i conti giusti. Noi abbiamo dato la nostra disponibilità per fare cose per il Paese ma se questi trattano la politica come il grande fratello e danno le veline ai giornali in cui mi dicono che mi asfaltano diciamo sai che c’è? Andiamo in Senato, noi porteremo le nostre proposte”.

CAMBIO NON MI INTERESSA, VOGLIO AVERE COSCIENZA A POSTO

“A me del cambio di Governo interessa zero. Il problema è come si affronta la pandemia. Noi abbiamo il più alto numero di morti e il peggior pil e anche sulla scuola abbiamo grossi problemi. In questo scenario dico di non buttare i soldi che abbiamo perchè se li buttiamo via non facciamo il bene del Paese. Non ci interessano le poche poltrone che abbiamo. Voglio avere la coscienza a posto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»