Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Legalizzazione cannabis, Salvini: “Non passera’ mai, non è nel contratto”

ROMA - "Non passerà mai, non è nel contratto di governo". Il vicepremier Matteo Salvini non è dello stesso avviso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non passerà mai, non è nel contratto di governo“. Il vicepremier Matteo Salvini non è dello stesso avviso del M5S sulla legalizzazione della cannabis. Salvini lo fa sapere a margine dell’inaugurazione della nuova sede milanese dell’Ugl.

CANNABIS: ASS. COSCIONI A SALVINI “DISCUTIAMONE, MOLTI DELLA LEGA SAREBBERO A FAVORE”

“Al Ministro Salvini che dice che la legalizzazione della cannabis non passerà mai” scrive l’ex senatore Radicale Marco Perduca dell’Associazione Luca Coscioni “diciamo fatelo discutere e vediamo cosa accade. Siamo certi che molti sostenitori, ed eletti, della Lega sono privatamente a favore, in politica occorre assumersi delle responsabilità, niente di meglio che discuterne liberamente e apertamente nelle sedi opportune”.

“Noi abbiamo raccolto oltre 68mile firme per chiedere una regolamentazione legale della produzione, consumo e commercio della cannabis e per depenalizzare l’uso e detenzione di tutte le altre sostanze. Tutte misure che, tra le altre cose, aiuterebbero il lavoro di chi vuole garantire sicurezza anche attraverso la lotta alla criminalità organizzata. Il Parlamento ne discuta e vedremo quel che succede.” 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»