Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bufera su Libero per il titolo sui ‘terroni’, Di Maio: “Ora basta soldi pubblici”. Crimi: “Razzismo”

ROMA - "Comandano i terroni". Questo il titolo di apertura che si legge oggi sulla prima pagina di Libero, il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Comandano i terroni“. Questo il titolo di apertura che si legge oggi sulla prima pagina di Libero, il quotidiano diretto dfa Vittorio Feltri. Scoppia la polemica. Tra i primi a scagliarsi contro il giornale c’è il vicepremier Luigi Di Maio che dalla sua pagina Fabebook stigmatizza la scelta editoriale e ribadisce l’intenzione di togliere i finanziamenti pubblici al quotidiano.

DI MAIO: “IN 3 ANNI AZZEREREMO SOLDI PUBBLICI”

“Buongiorno con la prima pagina di Libero, giornale finanziato con soldi pubblici, anche quelli dei terroni. Questa è la preziosa informazione da tutelare con i vostri soldi! Ma tranquilli: abbiamo già iniziato a togliergliene da quest’anno e nel giro di 3 anni arriveranno a zero. P.S. Anche questa volta l’Ordine dei giornalisti rimarrà in silenzio?”. Lo scrive su facebook Luigi Di Maio, vicepremier e ministro, commentando la prima pagina del quotidiano che titola cosi’: ‘Ai meridionali 3 cariche istituzionali su 4 – Comandano i terroni’.


CRIMI: RAZZISMO FINANZIATO CON SOLDI PUBBLICI, FINIRANNO

“Se allo stadio urlano ‘Terroni’ arrivano denunce, curve chiuse, messaggi indignati. Oggi ‘Libero’ lo scrive in prima pagina. L’Odg ha niente da dire? Non è ‘informazione’, è ‘razzismo finanziato con soldi pubblici (4,6 milioni nel 2017). Ma fra 3 anni finiranno anche per ‘Libero'”. Lo scrive su twitter Vito Crimi, sottosegretario con delega all’editoria.

BELLANOVA: TITOLO ‘LIBERO’ VERGOGNOSO, UNO SCHIFO

“Un titolo vergognoso. A tanti di noi era chiarissimo che saremmo arrivati a questo. Uno schifo”. Lo scrive su twitter la senatrice Teresa Bellanova.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»