Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Harvey Weinstein aggredito in un ristorante

ROMA - A pochi giorni dai Golden Globe "in nero" a sostegno del movimento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A pochi giorni dai Golden Globe “in nero” a sostegno del movimento #metoo #timesup contro le molestie, gli abusi e la violenza contro le donne e Harvey Weinstein torna a far parlare di sé. Il produttore americano accusato da numerose attrici e donne del mondo dello spettacolo di molestie è diventato protagonista di un video girato in un ristorante in Ariziona.

Weinstein stava cenando con il suo “coach” del centro di riabilitazione dove è in cura da quando lo scandalo che lo vede protagonista lo ha travolto, quando un ragazzo gli si è avvicinato e lo ha aggredito. Il giovane si è avvicinato al produttore con la scusa di una foto da scattare insieme, poi, dopo il rifiuto di Weinstein, lo ha schiaffeggiato insultandolo: “Sei un pezzo di m… per ciò che hai fatto alle donne”.

Il ragazzo ha dichiarato di aver bevuto troppo e di avere per questo motivo incaricato l’amico di riprendere l’accaduto. Il produttore non ha reagito alle aggressioni, mentre il suo coach ha cercato di impedire che venisse registrato l’accaduto, come si vede nel video diffuso da TMZ. Weinstein non ha chiamato la polizia e non ha per ora sporto denuncia.

https://www.youtube.com/watch?v=-mNlASb89Wo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»