Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Franceschini: “Il Pantheon sarà a pagamento entro la fine della legislatura”

Il Pantheon è anche un luogo di culto, ma il ministro assicura che i rapporti con la Chiesa per mettere dei biglietti di ingresso sono "a buon punto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Pantheon fa 7 milioni di visitatori l’anno, ha costi di manutenzione e di gestione e credo che debba avere un biglietto di ingresso, magari anche basso”. Lo ha annunciato il ministro dei Beni e delle Attivita’ culturali e del Turismo, Dario Franceschini, in occasione della presentazione delle attivita’ di Palazzo Barberini.

“C’e’ una situazione complicata per il fatto che il Pantheon e’ un luogo di culto, ma siamo a buon punto nei rapporti con la Chiesa. E’ necessario far convivere la visita dei turisti a pagamento con le celebrazioni per i fedeli- ha spiegato il ministro- e in questo senso ci sono gia’ delle esperienze in Italia. Sono stati messi dei nastri che regolano l’accesso, ma resta il problema della biglietteria che non può stare dentro”. In ogni caso, “penso che entro questa legislatura il Pantheon sara’ visitabile a pagamento e con le risorse si potranno fare interventi sulla struttura e il monumento potra’ contribuire al Fondo di solidarieta’, come fanno il Colosseo e tutti gli altri musei, versando il 20% degli incassi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»