Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mattarella: “Siamo lietissimi che Patrick Zaki sia tornato in libertà”

mattarella
Il presidente della Repubblica, nel corso dell'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università Kore di Enna, ricorda lo studente egiziano scarcerato due giorni fa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo lietissimi che Patrick Zaki sia tornato in libertà“. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel corso dell’inaugurazione dell’anno accademico della Libera Università degli Studi ‘Kore’ a Enna. Durante la cerimonia, la platea di docenti e studenti, riuniti assieme al rettore Giovanni Puglisi e alla ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa, hanno tributato un lungo e caloroso applauso per lo studente egiziano scarcerato due giorni fa. Nel corso della cerimonia, il rettore, amico di lunga data di Mattarella, gli ha affidato le chiavi dell’ateneo e gli ha chiesto il ‘bis’: “Non ci abbandonare”.

IL MESSAGGIO DI REMON, EGIZIANO RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI

A ricordare Zaki è stato anche il rappresentate degli studenti della ‘Kore’, Remon Karam, anch’egli egiziano, 22 anni, diplomato e laureato in Lingue e culture moderne attualmente al primo anno magistrale in Lingue per le cooperazioni internazionali nella cittadina siciliana, che ha lasciato a 14 anni la sua terra per arrivare via mare in Italia. Karam, nel suo intervento, ha raccontato la sua storia di migrante arrivato in Sicilia con un barcone. “Signor presidente – ha detto rivolgendosi a Mattarella – vorrei esprimere davanti a lei un desiderio, avere qui il prossimo anno il mio concittadino Patrick Zaki“.

LEGGI ANCHE: Bologna già in moto per organizzare il rientro di Patrick Zaki


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»