Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Julian Assange perde in appello: potrà essere estradato negli Stati Uniti

Julian Assange
Il fondatore di Wikileaks è accusato dagli Usa di crimini connessi ad attività di spionaggio. Oggi l'Alta corte del Regno Unito ha ribaltato la sentenza di primo grado e ha dato ragione al governo americano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il giornalista australiano Julian Assange, fondatore della piattaforma Wikileaks, potrà essere estradato dal Regno Unito verso gli Stati Uniti, dove lo attende un processo per crimini connessi ad attività di spionaggio. È quanto stabilito dall’Alta corte britannica, che ha accolto l’appello del governo americano e ha ribaltato un precedente verdetto di un tribunale distrettuale. Questa decisione rende più probabile l’eventualità che Assange venga estradato negli Stati Uniti. Una possibilità questa, contro cui già si sono espressi negli anni sia le istituzioni dell’Unione Europea che le Nazioni Unite.


A gennaio di quest’anno i giudici del Regno Unito si erano espressi contro l’estradizione, sostenendo che le condizioni di salute psicologica del giornalista australiano non gli consentissero di affrontare un procedimento giudiziario negli Usa. Questa tesi è stata però smentita dall’Alta corte, che ha accolto le argomentazioni dei legali di Washington. Nel 2010 tramite Wikileaks, Assange e alcuni collaboratori resero noti al mondo oltre 250mila documenti diplomatici e militari americani, tra i quali molti riservati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»