Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Terapie innovative, geniche e personalizzate: nuove opportunità di cura per i pazienti

ricerca_laboratorio_analisi_chimica
Se n'è parlato nel corso del XLI Congresso nazionale Sifo, che si tiene in formato digitale dal 10 al 12 dicembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le terapie geniche, personalizzate ed innovative, rientrano con forza negli approfondimenti del Congresso SIFO 2020. Con la pandemia di Covid.19, è emersa ancora di più l’importanza di queste terapie e delle tecniche innovative messe in campo durante la seconda fase dell’emergenza, sia con gli anticorpi monoclonali, come cura di contrasto al SARS-CoV-2, sia con il vaccino Covid.19, in cui si è intervenuti sull’RNA , quindi sulla parte genetica di un virus, per realizzare ciò che tutti auspicano essere elemento vincente nella battaglia contro il virus. “L’innovazione è un concetto chiave in medicina- spiega la professoressa Emanuela Omodeo-Salè, componente del Direttivo SIFO e alla guida della Farmacia dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO)- Innovazione significa raggiungere nuovi traguardi terapeutici e in oncologia negli ultimi anni la capacità di innovare è stata rappresentata da nuovi farmaci target, dall’immunoterapia, dai test genetici e molecolari: tutte realta’ che offrono nuove opportunita’ di cura a molti pazienti”.

LEGGI ANCHE: Il 10 dicembre parte il Congresso Sifo: “Imparare dall’emergenza per rilanciare il Ssn”

I farmacisti ospedalieri al centro della governance delle tecnologie

Sanità, al via il congresso Sifo: il farmacista ospedaliero al centro del ripensamento del SSN

COSA SONO LE CART CELL

Omodeo-Salè ha guidato la Sessione congressuale incentrata sulle evoluzioni delle terapie innovative, focalizzando l’update soprattutto sullo spartiacque venutosi a creare grazie alle CarT cell e sul ruolo del farmacista ospedaliero. L’acronimo deriva dall’inglese Chimeric Antigen Receptor T-cell, sono cioe’ cellule ingegnerizzate frutto di un procedimento complesso, in cui alcune cellule del sistema immunitario vengono prelevate dal paziente, geneticamente modificate in laboratorio per poter essere reinfuse nello stesso paziente al fine di riconoscere, attaccare e distruggere le cellule tumorali. L’idea della ingegnerizzazione delle cellule risale già a 20 anni fa, negli Stati Uniti.

A COSA SERVONO LE CART CELL

Le CarT cell sono impiegate oggi nelle patologie oncologiche del sangue, come i linfomi e la leucemia acuta e consentono di aumentare le percentuali di guarigione in circa il 40-50% dei casi. “In ematoncologia – ha spiegato Omodeo-Salè – una svolta e’ stata data dall’arrivo proprio delle CarT cell che introducono una nuova strategia terapeutica che potrebbe in futuro cambiare gli scenari attuali. Questo presuppone nuove sfide ed opportunita’ che il farmacista ospedaliero deve saper cogliere”.

La sessione ha affrontato anche i recenti sviluppi delle terapie geniche ed innovative, oltre le CarT cell, da un punto di vista della personalizzazione del farmaco. “La profilazione genica- ha illustrato Omodeo-Sale’- rappresenta una delle piu’ importanti innovazioni per la personalizzazione delle terapie per i pazienti oncologici. Grazie al progresso delle conoscenze e delle tecnologie, sono ora disponibili per diverse neoplasie numerosi bersagli molecolari e farmaci ad essi correlati, ampliando pertanto la possibilita’ di una terapia personalizzata e di precisione. Diventa quindi fondamentale per la Societa’ Scientifica dei Farmacisti Ospedalieri fornire strumenti che possano aiutare i colleghi a crescere professionalmente in questa nuova dimensione facendoli diventare parte integrante del team multidisciplinare”.

TERAPIE GENETICHE, IL RUOLO DI SIFO

In questo senso il ruolo della SIFO, e di conseguenza anche i lavori del Congresso, contribuiscono ad accrescere gli elementi di studio e a far luce sullo scenario internazionale delle terapie geniche.”La SIFO deve crescere sempre più professionisti competenti e questo lo fa permettendo di far riconoscere il nostro ruolo- ha aggiunto concludendo Emanuela Omodeo-Salè- attraverso pubblicazioni e lavori riconosciuti a livello nazionale ed internazionale, avendo degli interlocutori competenti ai tavoli ministeriali e creando collaborazioni strette con le diverse societa’ scientifiche. Il ritorno in termini di qualita’ delle cure, riduzioni degli sprechi e prevenzione dell’errore ripagheranno tutti gli sforzi in termini di investimento che faremo oltre al consolidamento del nostro ruolo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»