Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

I lavoratori del bar davanti a Palazzo Chigi non hanno mai ricevuto la cassintegrazione

palazzo chigi
Baristi e camerieri del Caffè di Noto aspettano ancora gli ammortizzatori sociali da marzo, tra loro anche una donna in attesa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Caffè di Noto è il bar più vicino alla sede del governo. Posto in via della Colonna Antonina, ha di fronte Palazzo Chigi e a sinistra la sede dell’Inps. Una doppia prossimità che suona ancor più paradossale per i sei dipendenti e i rispettivi nuclei familiari: da marzo non percepiscono la cassintegrazione, e mandano avanti le famiglie con i risparmi e l’aiuto dei familiari.

Matteo D’Accardi, 60 anni, è il barista con più esperienza. “Neanche cinque centesimi. Da marzo non percepiamo la cassintegrazione che era stata prestabilita dal presidente Conte. La domanda è stata fatta dall’azienda, che ha inviato la documentazione. Questi sono i documenti”, spiega D’Accardi all’agenzia Dire, mostrando gli incartamenti con l’intestazione della Regione Lazio. Ma cos’è successo? “Non riusciamo ad avere il numero di protocollo. Ce lo dovrebbe dare l’azienda, che tuttavia ci dice che non ce l’ha perché le domande non sono state accettate. Qui chi dice una cosa, chi dice un’altra. L’ultima che abbiamo saputo è che le domande ci sono ma l’Inps non le ha lavorate. Ora io mi chiedo: che cosa significa che non le ha lavorate? Stanno ancora sotto? Qui nella zona siamo in parecchi in queste condizioni, tra via del Corso e Fontana di Trevi”, aggiunge D’Accardi che sta raccogliendo le adesioni per un’azione collettiva a tutela. “Diteci dove dobbiamo andare, con chi dobbiamo parlare perché qui non ce la facciamo più”, spiega il barista.

LEGGI ANCHE: Bar e ristoranti: quasi 300mila le serrande abbassate

Tra i colleghi c’è anche una signora in attesa. E come avete fatto ad andare avanti in questi mesi, con quali risorse? “Lo dico subito: io devo ringraziare che mia moglie è statale e lavora. E poi mio figlio è disabile e percepisce la pensione. Ora io dico: un uomo a 60 anni si deve far campare dal figlio disabile. Ma stiamo scherzando?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»