Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Caso Regeni, l’ira della famiglia: “Richiamare l’ambasciatore e chiarire le responsabilità italiane”

COMMISSIONE PARLAMENTARE D'INCHIESTA SULLA MORTE DI GIULIO REGENI, AUDIZIONE DEI SUOI GENITORI
L'avvocato della famiglia Regeni dopo la conclusione delle indagini: "Dichiarare l'Egitto paese non sicuro e bloccare la vendita di armi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Visto che” la procura di Roma ha chiuso le indagini sull’omicidio di Giulio Regeni, “delineando le responsabilità di quattro alti ufficiali egiziani chiediamo di richiamare immediatamente l’ambasciatore, dichiarare l’Egitto paese non sicuro e bloccare la vendita di armi. È davvero arrivato il momento per il nostro governo di avere un sussulto di dignità”. Lo dice Alessandra Ballerini, avvocatessa della famiglia Regeni, durante una conferenza stampa alla Camera.

LEGGI ANCHE: Giulio Regeni sequestrato e torturato per nove giorni da agenti egiziani: la procura di Roma chiede il processo

MADRE: COMMISSIONE CHIARISCA RESPONSABILITÀ ITALIANE

“La procura di Roma ha fatto un gran lavoro, ora resta una parte su cui la commissione d’inchiesta ha competenza: chiediamo di fare chiarezza sulle responsabilità italiane, cioè tutte quelle zone grige, cosa successe dal 25 gennaio al 3 febbraio” 2016: “Come mai un cittadino italiano che era in un Paese amico non è stato salvato? Sono stati giorni tremendi per Giulio, ora bisogna che ci sia chiarezza”.
Lo chiede Paola Regeni, madre di Giulio, durante una conferenza stampa alla Camera.

FICO: DA EGITTO ANCORA INACCETTABILI DEPISTAGGI

“Oggi è una tappa fondamentale di un lungo percorso. Le istituzioni devono fare la loro parte fino in fondo, ed è quello che cercherò di fare”. Lo dice il presidente della Camera Roberto Fico, durante una conferenza stampa a Montecitorio, dove partecipano in collegamento anche i genitori di Giulio Regeni.

Per Fico “la procura di Roma, con un grande lavoro, ci mette davanti agli occhi un quadro agghiacciante. Dobbiamo andare avanti fino alla fine. Gli egiziani con la storia dei cinque ladri ci prendono in giro per l’ennesima volta. Quando sono stato in Egitto ho detto ad Al Sisi che non accetteremo depistaggi e la storia dei cinque ladri non ce la saremmo bevuta. Oggi l’Egitto tenta ancora con la storia della banda dei cinque. È inaccettabile”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»