Acqua del rubinetto ottima da bere, ma a Napoli il 67% della popolazione la beve confezionata

Da questi dati partirà la riflessione su "La qualità e la sostenibilità dell'acqua potabile" che si svolgerà domani al Maschio Angioino di Napoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Il 99,9% dell’acqua fornita da Abc alla condotta idrica di ogni edificio di Napoli è perfettamente potabile e salutare. Dai controlli condotti dal laboratorio Al.Ecosrl, è possibile affermare che il 95-96% dell’acqua che sgorga da ogni singolo rubinetto è perfettamente potabile e salutare. Un gap che dipende dalle diverse condizioni delle condutture interne dei condomini che, in pochi casi, sciupano la qualità dell’acqua che arriva nelle case.

L’acqua del rubinetto è ottima da bere, quindi, ma a Napoli il 67% della popolazione beve acqua acquistata nelle bottiglie, spendendo in media 400 euro l’anno e producendo enormi quantità di bottiglie di plastica vuote.

Da questi dati parte la riflessione su “La qualità e la sostenibilità dell’acqua potabile” che si svolgerà domani, mercoledì 11 dicembre, dalle 9:30 nell’Antisala dei Baroni del Maschio Angioino di Napoli. La riflessione apre la seconda edizione del “Forum dell’economia circolare e sostenibile” di Anea, Agenzia napoletana energia e ambiente, quest’anno tutto dedicato all’acqua.

In mattinata ci sarà un confronto tra i diversi operatori del settore e le amministrazioni pubbliche per discutere dello stato dell’arte e di soluzioni innovative che possano migliorare la qualità delle risorse idriche e l’efficienza dei diversi processi per il mercato domestico, oltre che il confronto sull’acqua plastic free e l’utilizzo del Pet nella distribuzione ed imbottigliamento. 

Tra i partecipanti l’assessora alla Cultura del Comune di Napoli Eleonora de Majo, l’assessore all’Ambiente del Comune di Napoli Raffaele Del Giudice, il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli Eduardo Cosenza, il presidente di Anaci (l’associazione degli Amministratori di Condominio di Napoli) Umberto Montella, che illustrerà la necessità di effettuare delle analisi periodica dell’acqua all’ingresso dei fabbricati per garantirne la qualità all’utente.

Con l’impegno di Anea, circa 30 laboratori di Napoli e provincia accreditati per il controllo dell’acqua che sgorga dai rubinetti applicheranno uno sconto sul controllo annuale che, da 150 euro per condominio, costerà 130 euro: una cifra irrisoria se divisa tra tutti i condomini che potranno poi tranquillamente risparmiare sull’acquisto dell’acqua nei negozi.

Nel pomeriggio, dalle 14:30, la seconda parte del Forum si concentrerà sulle “Soluzioni innovative per il trattamento delle acque reflue” che possono diventare anche fonte di energia. Tra i relatori sul tema Francesco Mundo di Ispra che parlerà del riutilizzo delle acque reflue, Gianpaolo Sabia di Enea, i vertici dell’Ente Idrico Campano con il presidente Luca Mascolo e il direttore Vincenzo Belgiorno e Stefano Sorvino, commissario straordinario dell’Arpac.

Ai partecipanti dell’intera sessione congressuale, sarà offerta una borraccia, simbolo dello sviluppo di politiche “plastic free” (fino ad esaurimento scorte).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»