VIDEO | Lavoro, Cafà (Fonarcom): “Nuove relazioni sindacali per affrontare sfide”

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print [video width="1280" height="720" mp4="https://media.dire.it/2019/12/cafà-fonarcom.mp4" poster="https://www.dire.it/wp-content/uploads/2019/12/vlcsnap-2019-12-10-17h14m28s983.png"][/video] ROMA - "Il nostro obiettivo è
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il nostro obiettivo è semplice, è quello che abbiamo indicato nel nostro accordo interconfederale Cifa-Confsal, che prevede un nuovo modello di relazioni industriali, un nuovo modello di relazioni tra datore di lavoro e lavoratori”. Così Andrea Cafà, presidente del Fondo interprofessionale Fonarcom e di Cifa, sintetizza il senso della manifestazione di oggi a Montecitorio.

“Oggi in piazza- spiega- volevamo dare un segnale preciso: stare insieme per affrontare insieme le sfide del futuro, perchè oggi- prosegue Cafà- soprattutto nella micro e piccola media impresa non ci può essere conflitto tra datore di lavoro e lavoratore. Ci deve essere un atteggiamento da staff, bisogna programmare la formazione continua, quindi la crescita delle persone, dobbiamo andare verso la costruzione di un moderno mercato del lavoro, che dia maggiori garanzie alle persone”. Quindi, conclude, la ricetta è “maggiore formazione, maggiore sanità integrativa e previdenza, insomma welfare e produttività per affrontare insieme le sfide che la nuova società digitale ci pone”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»