Basilicata a ‘Più libri più liberi’, Santarsiero: “Regione ricca di arte”

12 case editrici ospiti permanenti nello spazio del Consiglio regionale della Basilicata, tra manuali, saggi, guide, racconti e romanzi.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Dai romanzi alle ricette, dalle immagini fotografiche ai saggi storici, dalle poesie ai racconti: la piccola editoria ‘made in Basilicata’ in mostra alla Fiera nazionale ‘Più Libri Più liberi’. Grazie all’iniziativa del Consiglio regionale lucano, dodici editori e una decina di autori hanno preso parte alla kermesse letteraria a La Nuvola di Roma, tra presentazioni, eventi ed esposizioni.
“Portiamo i nostri editori per cogliere un obiettivo: far conoscere attraverso essi una regione ricca di valore, di sensibilità, di storia e di arte”, ha spiegato il presidente del Consiglio regionale, Vito Santarsiero, a margine di un incontro nello stand della Basilicata alla Fiera. 

E’ dal 2006 che il Consiglio promuove l’editoria lucana nelle maggiori fiere nazionali, da due anni a questa parte coinvolgendo anche gli autori. “La Basilicata è una regione che ha scontato per troppo tempo una condizione di marginalità che non ha consentito alla nostra identità di poter emergere ed esprimersi adeguatamente”, ha detto Santarsiero, aggiungendo che questa “è una motivazione molto forte in un anno importante, l’anno di Matera Capitale della Cultura 2019. L’anno in cui la Basilicata si propone come figura di riferimento nel panorama culturale nazionale ed europeo”.
L’occasione è imperdibile “per dare una opportunità a un mondo che opera nella cultura di poter crescere, rafforzarsi, consolidare le radici e trovare un fattore di crescita per il territorio”, ha concluso il presidente del Consiglio regionale.

PARLANO GLI EDITORI E AUTORI LUCANI

“L’offerta che proponiamo cerca di essere varia, nel senso che oltre alle pubblicazioni sulla Basilicata e su Matera proponiamo delle guide turistiche di Matera integrate con contenuti digitali”, racconta una rappresentante degli editori lucani, Gabriella Lanzillotta. Tra gli scaffali dello stand il racconto di un territorio, delle sue tradizioni e attrazioni, delle storie di vita riemerse grazie alla letteratura, e anche alcune edizioni molto particolari, come un libretto di conversazioni radiofoniche ‘francesi’ di Giuseppe Ungaretti mai tradotte in italiano, o le immagini della ‘Città dei Sassi’ di Augusto Viggiano, riedite in un volume magnum. 

“La ristampa di questo libro fotografico, avvenuta anche grazie al Consiglio regionale, è un regalo che ci siamo fatti per i nostri 25 anni di attivita’”, spiega Timoteo Papapietro, di Edizioni Magister. Da due anni il Consiglio regionale, nelle attività del proprio spazio alla kermesse letteraria, coinvolge anche gli autori lucani, con presentazioni di libri e momenti di incontro. E tra gli ospiti, c’è anche l’università della Basilicata, che ha scritto quattro atlanti linguistici della regione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»