Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bussetti: “Pochi compiti per le vacanze, ragazzi devono stare in famiglia”

Il ministro dell'Istruzione annuncia una circolare con cui a breve chiederà ai docenti di non esagerare con i compiti per le vacanze
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Vorrei sensibilizzare il corpo docente e le scuole per un momento di riposo degli studenti. Per questo nei prossimi giorni invierò una circolare alle scuole per chiedere di diminuite la mole di compiti per le vacanze di Natale. Questo per fare in modo che le famiglie possano stare più insieme. A volte i compiti gravano sugli impegni di queste ultime”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, in occasione di un evento a Roma organizzato dall’Autorità garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

“Vorrei che in questi giorni di festa- ha aggiunto il ministro- si pensi di più alla vita dei ragazzi e delle loro famiglie“.

“I ragazzi hanno bisogno di rilassarsi”

“Pochi compiti durante le vacanze di Natale, i ragazzi hanno bisogno di rilassarsi, ritrovare i piaceri della vita familiare, con gli amici. Sicuramente possono dedicarsi la lettura o ai propri hobby, fare movimento, visitare mostre”, ha detto ancora Bussetti intervenendo in diretta nel corso di ‘Un giorno da Pecora’, il programma di Rai Radio 1 condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»