Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Alla Cop21 di Parigi l’Africa presenta il suo Piano per le rinnovabili

Il piano, denominato The African Renewable Energy Initiative (Arei), promette di ridurre le emissioni di Co2 permettendo a 600 milioni di africani di abbandonare diesel, kerosene e legna come fonte di energia per dar luce e cucinare nelle proprie case
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

africa_rinnovabiliUn’iniziativa tutta africana per moltiplicare la capacita’ di produrre energia a partire da fonti rinnovabili: a sottoscriverla, nel corso della conferenza Onu sui cambiamenti climatici in corso a Parigi, sono stati presidenti e capi di governo dei paesi del continente. L’obiettivo e’ produrre grazie a fonti non inquinanti fino a 10 Giga Watt di energia entro il 2020 e addirittura 300 entro il 2030.

Il piano, denominato The African Renewable Energy Initiative (Arei), promette di ridurre le emissioni di Co2 permettendo a 600 milioni di africani di abbandonare diesel, kerosene e legna come fonte di energia per dar luce e cucinare nelle proprie case.

La Banca africana di sviluppo (Afdb) si e’ impegnata a garantire cinque miliardi di dollari all’anno entro il 2020. Ma il progetto costa molto di piu’ e pone inevitabili quesiti sui finanziamenti necessari: 20 miliardi nei prossimi cinque anni, circa 500 miliardi nell’arco di 20 anni. (DIRE-MISNA)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»