Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Verona, Pinotti: “I Vigili avranno una nuova sede, cedute al Comune tre caserme”

In cambio, il Comune "si farà carico di lavori di ristrutturazione di altri immobili militari, operazione che consentirà di ridurre costi per fitti passivi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Presto i Vigili Urbani di Verona avranno una nuova sede. È il risultato dell’accordo firmato ieri insieme al sindaco Flavio Tosi e al Direttore Generale dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi, che prevede, nel dettaglio, la cessione delle Caserme Rossani, Trainotti e Busignani. In cambio, il Comune si farà carico dei lavori di ristrutturazione di altri immobili militari nel territorio veronese, operazione che consentirà, tra l’altro, di ridurre i costi per i fitti passivi”. Lo scrive su facebook Roberta Pinotti, ministro della Difesa.

pinotti_caserma_verona

“Lo Stato- spiega- deve utilizzare al meglio il patrimonio di cui dispone: oggi più che mai, è fondamentale evitare qualsiasi spreco. Ecco perché il Ministero della Difesa sta portando avanti un progetto di razionalizzazione, riqualificazione, riuso e valorizzazione del patrimonio immobiliare. Un progetto che definirei ‘patriottico‘, perché mettere a disposizione dei cittadini strutture non più utilizzate dallo Stato è un dovere verso i nostri figli e verso i nostri padri nonché un modo per rendere un servizio al Paese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»