Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Afghanistan, decine di vittime a Kandahar: l’allerta è massima

Il bilancio ufficiale dell'assalto talebano all'aeroporto della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

afghanistanIl bilancio ufficiale dell’assalto talebano all’aeroporto della citta’ meridionale di Kandahar, comunicato ieri sera dal ministero delle Difesa di Kabul resta di 37 morti e 35 feriti. Numeri che vengono oggi contestati da piu’ parti, con fonti ospedaliere di Kandahar che parlano anche di 70 decessi, tra cui donne e bambini. L’attacco di una quindicina di Talebani, spettacolare per preparazione e estensione ma ancor piu’ preoccupante anche per la facilita’ con cui i militanti sono entrati pesantemente armati nel perimetro aeroportuale, una delle aree piu’ sorvegliate e fortificate dell’intero paese, senza essere individuati dai posti di blocco, ha coinvolto non solo le istallazioni militari- tra cui quelle Nato che ospitano 2000 uomini delle truppe internazionali- ma anche abitazioni, uffici, una scuola e un mercato.

Persino l’area arrivi dell’aeroporto, affollata dei passeggeri di almeno due voli appena atterrati. Da qui l’alto numero di vittime, tra cui con ogni probabilita’ un certo numero di civili che i Talebani hanno tenuto in ostaggio per ore prima della loro definitiva eliminazione nella tarda serata di ieri, a oltre 24 ore dall’inizio dell’operazione.

In un video diffuso in internet e girato poco prima dell’inizio dell’operazione, il commando talebano inneggia alla guerra santa, minaccia le truppe straniere in Afghanistan e lo stesso presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Altri video diffusi nelle ultime ore mostrano alcune fasi dell’attacco all’aeroporto e spezzoni di filmati in cui si documenta la facilita’ con cui i miliziani dispongano di armi, automezzi, divise dell’esercito regolare e anche documenti che consentono loro di attraversare i controlli ed entrare in aree di alta sicurezza.

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»