Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mandato di cattura internazionale per il nonno del piccolo Eitan, fonti Ministero: “Israele non estrada i suoi cittadini”

Il bimbo, sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, è al centro di una contesa famigliare dopo il presunto rapimento da parte del nonno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sulla vicenda di Eitan, il piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone e al centro di una contesa famigliare dopo il presunto rapimento da parte del nonno, fonti di via Arenula fanno sapere che la procedura, in casi del genere, prevede che, dopo un’ordinanza di custodia cautela, la Procura generale chieda al Ministero della Giustizia di diffondere le ricerche internazionali e di inserire il nominativo del destinatario della misura nella banca dati Interpol. Nel momento in cui la persona viene localizzata, la polizia o lo arresta o comunica al Ministero la localizzazione. Con Israele, si applica la convenzione europea di estradizione del ”57 di Parigi. Israele, però, ha apposto una riserva alla Convenzione, in base alla quale non estrada i propri cittadini. La precisazione da ambienti del ministero della Giustizia arriva dopo le notizie di stampa di due mandati di cattura internazionali chiesti dalla procura di Pavia nei confronti del nonno materno di Eitan, Shmuel Peleg, che lo aveva portato con sè in Israele lo scorso settembre, e dell’uomo di 50 anni israeliano, che era alla guida della macchina con cui il bambino era stato allontanato dalla zia paterna tutore del minore, Aya Biran Nirko.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»