Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Strage di Bologna, arriva il documentario ‘Un minuto di silenzio’ su Paolo Bolognesi

bolognesi documentario strage
Il documentario, che sarà visibile a tutti online, ripercorre la strage del 2 agosto 1980 e, in particolare, le vicende personali di Paolo Bolognesi, presidente dell'associazione dei familiari delle vittime
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Arriva un documentario che parla della strage di Bologna e in particolare della vicenda personale di Paolo Bolognesi, che da molti anni è il presidente dell’associazione dei familiari delle vittime anima della battaglia per la verità. Il documentario, realizzato da Fabio Fiandrini e Marta Pettinari, sarà presentato oggi pomeriggio in anteprima alla Camera del lavoro di Bologna e sarà poi visibile a tutti sul sito unminutodisilenzio.it.

Gli autori del documentario hanno incontrato Bolognesi, oggi 77enne, nel 40° anniversario dell’Associazione tra i familiari delle vittime. ‘Un minuto di silenzio’, si legge nella nota, rievoca un episodio della nostra storia recente tristemente noto come “la strage della stazione” accaduto il 2 agosto 1980 a Bologna. Tra il dicembre del 1969, quando una bomba esplode nel centro di Milano nella sede della Banca Nazionale del Lavoro di Piazza Fontana e il 2 agosto del 1980, quando un’altra bomba esplode, questa volta a Bologna, nell’affollatissima sala d’aspetto di seconda classe della stazione centrale in un sabato mattina di piena estate, la cosiddetta strategia della tensione arriva al suo culmine. Oggi, quel giorno viene ripercorso sullo sfondo della vicenda personale di Paolo Bolognesi, classe 1944, che il 2 agosto 1980 vede la sua vita cambiare per sempre. Suo figlio di 6 anni riporta ferite gravissime, con le cui conseguenze fisiche e psicologiche dovrà convivere per anni, mentre sua suocera è una delle 85 vittime della strage. Da quel momento si apre per lui un doloroso confronto con gli effetti prodotti dalla strage, confluito poi nell’impegno, personale prima e attraverso l’Associazione poi, volto a ottenere verità e giustizia. Questo percorso non è a oggi ancora concluso: il cosiddetto “processo sui mandanti” della strage, infatti, è storia di questi giorni.

Il titolo del documentario richiama il primo comunicato della neocostituita Associazione tra i familiari che il 2 agosto 1981 chiedeva un minuto di silenzio in memoria delle vittime, ma allude anche all’assordante e colpevole silenzio che in questi 41 anni ha avvolto molti aspetti della vicenda, impedendo che tutti i fatti fossero accertati e tutti i responsabili individuati.

Gli avvenimenti del passato saranno raccontati grazie all’utilizzo di materiali provenienti da archivi regionali, nazionali e internazionali, da raccolte private, rielaborati anche attraverso tecniche di animazione 3D. Il presente invece emergerà dalla preziosa testimonianza di Paolo e dalla sua interazione visiva e narrativa con i luoghi di questa storia che saranno anch’essi protagonisti all’interno del documentario.

Il documentario sarà poi disponibile a tutti attraverso il sito unminutodisilenzio.it, in cui si potrà vedere il video e accedere a contenuti extra e approfondimenti. Il progetto è realizzato in collaborazione con l’Associazione tra i familiari delle vittime della strage della stazione di Bologna del 2 agosto 1980, è sostenuto da Regione Emilia-Romagna attraverso il Bando Memoria del ‘900 e ha il patrocinio di Città Metropolitana di Bologna, Comune di Monzuno (BO), Comune di Pianoro (BO) e Comune di San Lazzaro di Savena (BO).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»