Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’ex sindaco di Foggia Landella ricorre al Tar contro lo scioglimento per mafia del Comune

FRANCO_LANDELLA_imago
L'esponente della Lega, arrestato per corruzione e tentata concussione nel maggio scorso, fu poi rimesso in libertà nell'ambito di una indagine su presunte tangenti che coinvolge altre 14 persone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – L’ex sindaco di Foggia Franco Landella ha presentato un ricorso al Tar del Lazio contro il provvedimento del Consiglio dei ministri che lo scorso agosto ha sciolto il Consiglio comunale per sospette infiltrazioni mafiose.

L’ex primo cittadino, esponente della Lega, è stato arrestato per corruzione e tentata concussione nel maggio scorso e poi rimesso in libertà nell’ambito di una indagine su presunte tangenti che coinvolge altre 14 persone. Qualche giorno fa, il ministero dell’Interno ha avviato la procedura per l’incandidabilità per Landella e altri ex consiglieri comunali. 

LEGGI ANCHE: Foggia, revocati i domiciliari all’ex sindaco Landella

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»