Morto Renzo Gattegna, fu presidente Ucei: “Perdita immensa”

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, profondamente colpito dalla scomparsa dell'ex presidente dell'Unione delle Comunità ebraiche italiane, ha inviato alla famiglia un messaggio di cordoglio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – È scomparso Renzo Gattegna, dal 2006 al 2016 presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. Avvocato civilista, era nato a Roma nel 1939. “Una perdita immensa per l’ebraismo e tutta la società italiana”, dice la presidente Ucei Noemi Di Segni.

“Si è spento poche ore fa Renzo Gattegna, già presidente dell’Ucei. Il suo ultimo respiro e sguardo è stato quello di sempre – quello di chi ha guidato le comunità ebraiche italiane con rettitudine, professionalità e infinita dedizione, con visione e determinazione per far conoscere l’immensità del nostro popolo e delle nostre tradizioni, per essere in ogni momento e luogo di esempio agli altri”, ricorda. “Un esempio di come si è profondamente ebrei nella vita istituzionale, relazionale, professionale e familiare. Appena poche ore e ci sentiamo soli e frastornati cercando di mettere assieme infiniti ricordi e momenti che hanno visto Renzo sempre presente con garbo, saggezza, eleganza, interesse all’altrui pensiero, desideroso di affermare verità e giustizia. A Ilana la moglie, ai suoi figli Roberto e Daniel, alle nuore, alle nipoti e al nipotino il nostro immenso abbraccio, partecipi dell’infinita perdita e dolore. Che il suo ricordo sia di benedizione come è stato il suo fare costante e infinito”, conclude Di Segni.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, profondamente colpito dalla scomparsa dell’avvocato Renzo Gattegna, ha inviato alla famiglia un messaggio di cordoglio nel quale ricorda “l’impegno profuso con intelligenza, garbo ed equilibrio durante i lunghi anni vissuti alla guida dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»