Coronavirus, stretta a Giugliano in Campania: coprifuoco alle 18 per i minori

L'ordinanza, in vigore fino al 30 novembre, introduce il divieto di fumare (anche le sigarette elettroniche) e di consumare cibo e alcolici negli spazi pubblici
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI –  Entra in vigore oggi a Giugliano in Campania (Napoli) la nuova ordinanza del sindaco Nicola Pirozzi per contenere la diffusione del virus. Nel comune più popoloso dell’area metropolitana di Napoli viene introdotto il divieto di fumare (anche le sigarette elettroniche) e di consumare cibo e alcolici negli spazi pubblici. Azioni incompatibili con l’obbligo di usare la mascherina che “deve essere indossata correttamente – si legge nell’ordinanza – ovvero deve coprire dal mento al di sopra del naso: indossare irregolarmente la mascherina, come ad esempio tenerla sotto il mento, equivale a non indossarla e configura inottemperanza alle prescrizioni”.

LEGGI ANCHE: Covid, mini zona rossa in Irpinia: “A Lauro gli over 70 restino a casa”

L’ordinanza del sindaco vieta a tutti i minori di 18 anni di uscire e di circolare nel comune già dalle 18, tranne che se accompagnati da un genitore. Le principali piazze della città saranno chiuse dalle 18 e per l’intero arco della giornata di sabato e di domenica. Stop anche al mercato settimanale. Non si può sostare in strada, a tutte le ore, in numero maggiore di quattro persone, anche se osservano le regole su mascherina e distanziamento. L’ordinanza è in vigore fino al 30 novembre. Le violazioni saranno punite con multe fino a mille euro.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»