Da oggi dazi Ue sui prodotti Made in Usa: più cari ketchup e Playstation

"L’Amministrazione Trump nel 2019 aveva applicato una tariffa aggiuntiva del 25% su una lista di prodotti importati dall’Italia e dall’Unione Europea", ricorda la Coldiretti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Sono già scattate le tariffe aggiuntive europee sui prodotti Usa del 15% per gli aerei che salgono al 25% su ketchup, formaggio cheddar, noccioline, cotone e patate americane insieme a trattori, consolle e video giochi, particolarmente gettonati per il lockdown da Covid con l’arrivo del Natale e che ora saranno piu’ cari in Italia ed in Europa. E’ quanto afferma la Coldiretti in occasione dell’entrata in vigore in tutta la UE del regolamento di esecuzione 2020/16 della Commissione relativo a misure di politica commerciale riguardanti determinati prodotti originari dagli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE: Usa, Unione europea: “I dazi scattano, ma li annulliamo se loro faranno lo stesso”

La ritorsione europea è immediata e si estende ad altri prodotti simbolo del Made in Usa come – sottolinea la Coldiretti – salmone, noci, pompelmi, vaniglia, frumento, tabacco, cacao, cioccolato, succhi di agrumi, liquori come vodka e rum, accessori di moda come borse e portafogli, ricambi per biciclette e giochi per bambini. La black list dell’Unione Europea è stata pubblicata in Gazzetta sulla base della decisione del Wto che – precisa la Coldiretti – autorizza l’Unione Europea ad applicare dazi per 4 miliardi di dollari a prodotti e servizi americani in relazione agli aiuti Usa a Boeing dopo che per la stessa vicenda gli Usa erano stati autorizzati il 24 luglio dello scorso anno ad applicare sanzioni per un limite massimo di 7,5 miliardi di dollari all’Unione Europea. Un pronunciamento – ricorda la Coldiretti – che aveva portato l’Amministrazione Trump lo scorso 18 ottobre 2019 ad applicare una tariffa aggiuntiva del 25% su una lunga lista di prodotti importati dall’Italia e dall’Unione Europea, Per l’Italia – precisa la Coldiretti – sono state colpite esportazioni agroalimentari Made in Italy per un valore di circa mezzo miliardo di euro su prodotti come Grana Padano, Gorgonzola, Asiago, Fontina, Provolone ma anche salami, mortadelle, crostacei, molluschi agrumi, succhi e liquori come amari e limoncello. 

L’elezione di Joe Biden apre nuove prospettive che l’Unione Europea deve essere in grado di cogliere per avviare un dialogo costruttivo ed evitare uno scontro dagli scenari inediti e preoccupanti che rischia di determinare un pericoloso effetto valanga sull’economia e sulle relazioni tra Paesi alleati in un momento drammatico per gli effetti della pandemia” ha affermato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che “gli Usa sono il primo mercato extraeuropeo del Made in Italy e solo per i prodotti agroalimentari tricolori vale 4,7 miliardi nel 2019, con un ulteriore aumento del 3,8% nei primi otto mesi del 2020”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»