Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Donne, Sabbadini: “Vergogna che le statistiche sulla violenza in Europa non abbiano dignità come le altre”

Lo denuncia con forza la direttrice centrale Area statistiche sociali e demografiche dell'Istat nel suo intervento al convegno online 'È un'impresa dire no alla violenza'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le statistiche sulla violenza non hanno pari dignità come le altre. Questa è una vergogna, io sono anni che combatto”. Lo ha denunciato con forza Linda Laura Sabbadini, direttrice centrale Area statistiche sociali e demografiche dell’Istat, nel corso del suo intervento al convegno online ‘È un’impresa dire no alla violenza’.

“Un grosso balzo dell’attenzione sulla violenza l’hanno dato non solo i centri antiviolenza”, osserva la statistica sottolineando come “quando quei numeri sui milioni di donne” coinvolte “diventano pesanti” in base a “statistiche ufficiali, ci si deve fare i conti, soprattutto se le donne hanno la capacità di valorizzarli e di farli sentire. Pure sulle statistiche non è affatto facile, la battaglia è lunga”, confessa la studiosa che invita a “serrare le file, prendere quei due-tre punti per mettersi d’accordo e andare avanti come treni, indipendentemente dalle nostre posizioni”.

LEGGI ANCHE: Violenza sulle donne, Bonetti: “Fondamentale creare una comunità. Il 26 novembre conferenza straordinaria con chi la contrasta”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»