Coronavirus, addio a Saeb Erekat: il negoziatore palestinese che credeva in due stati

Originario di Gerico, nella Cisgiordania occupata da Israele, Saeb Erekat era stato consigliere di Mahmoud Abbas e Yasser Arafat
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Saeb Erekat, storico negoziatore palestinese sostenitore della soluzione dei due Stati, e’ morto dopo aver contratto il nuovo coronavirus.

Originario di Gerico, nella Cisgiordania occupata da Israele, era stato consigliere del presidente dell’Autorita’ nazionale palestinese Mahmoud Abbas e aveva lavorato anche con il suo predecessore Yasser Arafat. Era pure stato segretario generale dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp).

Erekat e’ scomparso all’eta’ di 65 anni. Nel 2017 si era sottoposto a una trapianto polmonare negli Stati Uniti e da allora non si era ripreso del tutto. L’8 ottobre aveva annunciato di aver contratto il Covid-19 e di avere “sintomi gravi”. Nei giorni scorsi era stato trasferito nell’Ospedale Hadassah, a Gerusalemme, dove e’ morto stamane.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»