Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

E’ morto John Hillerman, l”Higgins”di Magnum P.I.

Grazie a questo ruolo si aggiudicò un Golden Globe e un Emmy Award
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ morto all’età di 84 anni l’attore John Hillerman diventato celebre grazie alla serie tv degli anni ’80 Magnum P.I.  L’attore si è spento nella sua casa di Houston. A dare l’annuncio un portavoce della famiglia.

In Magnum P.I. John Hillerman interpretava il sergente Jonathan Higgins a fianco del protagonista Tom Selleck. Grazie a questo ruolo l’attore si aggiudicò due premi importanti: un Golden Globe nel 1982 e un Emmy Award nel 1987.

 John Hillerman, la vita

John Hillerman nasce a Denison, in Texas, il 20 dicembre del 1932. Frequenta l’accademia militare e nel 1953 si arruola nell’Aeronautica militare degli Stati Uniti, dove raggiunge il grado di sergente. Strano caso del destino sarà proprio nei panni di un sergente che raggiungerà la notorietà negli anni ’80, come coprotagonista in Magnum P.I.

Terminata questa esperienza lavorativa, vestì di nuovo i panni di Jonathan Higgins in altre serie tv come “Simon&Simon”, “La signora in giallo” e “Quantum Leap”.

Recitò anche in altre serie tv prima di interpretare il celebre sergente dal perfetto accento britannico. Nel 1975 è il presuntuoso presentatore di programmi radiofonici in diretta, Simon Brimmer nella serie Ellery Queen.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»