Usa, proteste in strada contro la vittoria di Trump

Il neo-presidente si prepara alla successione. Tra i possibili collaboratori l'ex sindaco di New York Rudolph Giuliani, il governatore del New Jersey Chris Christie e l'ex presidente della Camera Newt Gingrich
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

anti-trump1ROMA – L’ex sindaco di New York Rudolph Giuliani, il governatore del New Jersey Chris Christie e l’ex presidente della Camera dei rappresentanti Newt Gingrich: sono alcuni dei nomi sui quali punta la stampa americana guardando alle scelte dei collaboratori chiave di Donald Trump. Secondo il ‘New York Times’, tra questi dirigenti andrebbero individuati i candidati principali per le cariche di segretari di governo e di consiglieri del nuovo presidente. Trump, sottolinea il quotidiano, dovrebbe poi concentrarsi sulla scelta di un giudice “conservatore” per la Corte suprema.

In evidenza, in apertura delle homepage dei quotidiani e nei servizi delle emittenti nazionali, i cortei che si sono tenuti in molte città dopo la diffusione dei risultati elettorali. “In migliaia in strada protestano contro la vittoria di Trump” titola la ‘Cnn’, in un servizio dedicato alle manifestazioni di ieri, concluse con un bilancio di oltre 30 fermi e arresti. “Molte delle proteste si sono tenute in città con forti basi democratiche” evidenzia l’emittente: ” Atlanta, Austin, Boston, Chicago, Denver, Philadelphia, Portland, San Francisco, Seattle e Washington“.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

LEGGI ANCHE:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»